Zante

Foto di Walkerssk
Zante

11 cose da fare e vedere a Zante e 2 da non fare

Zante (o Zacinto) è terra di poeti. Su quest’isola dell’arcipelago delle Ionie, infatti, sono nati Ugo Foscolo (1778) e Dionysios Solomos (1798). A quest’ultimo, autore dell’inno nazionale greco, è intitolato l’aeroporto cittadino (nei pressi di Laganas), mentre Foscolo è ricordato con un monumento poco distante dalla strada dove un tempo sorgeva la casa natale. La circostanza non deve stupire: la natura verdeggiante dell’isola, unitamente alle pareti rocciose della costa e a un mare cristallino non ispirano soltanto artisti e animi contemplativi (nell’immagine di copertina la famosissima “Spiaggia del Relitto”). I turisti sono sempre più numerosi, anche loro giustamente attratti dall’enorme quantità di risorse paesaggistiche-ambientali del territorio. Una parte importante dell’appeal turistico dell’isola passa da Laganas, località costiera con un’alta concentrazione di bar, ristoranti e locali notturni. Inoltre l’insenatura omonima è stata dichiarata Parco Nazionale Marino. Alla base del riconoscimento, la frequentazione della baia da parte delle “caretta-caretta”, tartarughe marine che attraversano il Mediterraneo per venire qui a deporre le proprie uova. Insomma, Zante è una destinazione turistica completa col giusto mix di natura, cultura e divertimento. Da maggio a ottobre fa il pieno di presenze, mentre in autunno e in inverno l’agricoltura e la pastorizia tornano a scandire la quotidianità del territorio, specie nei paesini dell’entroterra. Di seguito, vediamo insieme le principali attrazioni dell’isola. Buona lettura.

1 Grotte Blu

Foto di szokstudio
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Grotte Blu

Le Blue Caves di Zacinto sono una delle attrazioni principali dell’isola. Sono meno famose della Grotta Azzurra di Capri ma non hanno nulla da invidiare a quest’ultima. Si raggiungono agevolmente in barca dalla spiaggia di Makris Gialos o dal porto di Agios Nikolaos, spesso in abbinamento alla visita della Spiaggia del Relitto (vedi punto 2). Volendo, il sito è raggiungibile pure a piedi da una stradina poco distante dal faro di Capo Skinari. In questo caso bisogna scendere un centinaio di gradini al termine dei quali si arriva proprio sopra il tratto di costa che ospita queste caverne. Un tuffo e via, ci si ritrova in uno scenario d’incanto che vale la pena esplorare con la maschera o gli occhialini. Insomma, la natura da queste parti regala suggestioni uniche che rimarranno a lungo impresse nella memoria. Provare per credere!

2 Spiaggia del Relitto

Foto di 12019
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Spiaggia del Relitto

Navagíou non è solo una delle principali attrazioni di Zante. È una delle cartoline turistiche più famose dell’intera Grecia, stabilmente inserita in (quasi) tutte le classifiche con le spiagge più belle del mondo. In realtà, a essere bellissimo è tutto il versante occidentale dell’isola contraddistinto da alte falesie, insenature strette e colori meravigliosi, specie sul far della sera. Stesse caratteristiche anche della Spiaggia del Relitto, semmai ancor più accentuate rispetto al resto della costa. Infatti, qui le pareti verticali sono talmente imponenti che sembra quasi vogliano nascondere la spiaggia, salvo poi, all’improvviso, svelarne la straordinaria bellezza. Questa è la sensazione che si prova arrivando via mare da Agios Nikolaos o dalla poco distante insenatura di Porto Vromí. Fare il bagno nelle acque turchesi di questa spiaggia, dove negli anni ’70 arenò una nave da carico (da cui il topos “Spiaggia del Relitto”), è un’esperienza meravigliosa. Ancor più meraviglioso, però, è percorrere la strada costiera che porta al punto panoramico da cui vengono realizzati la maggior parte degli scatti che ritraggono l’insenatura. Il percorso, che si snoda tra i paesi montani di Volimes e Anafonitria, termina con una stradina laterale nei pressi del Monastero di San Giorgio della Rocca (Agios Georgion Kremnon). Da non perdere!

3 Loucha

Foto di Maesi64
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Loucha

Le Grotte Blu e la Spiaggia del Relitto sono le due cartoline turistiche di Zacinto. Indubbiamente bellissime, ma poco significative per chi vuol conoscere il modo in cui effettivamente vivono gli abitanti del posto. Per approfondire questi aspetti bisogna spingersi nei paesini dell’entroterra dove agricoltura e allevamento giocano ancora un ruolo importante nell’economia domestica. In particolar modo vale la pena visitare Loucha, paesino del versante occidentale distante una decina di chilometri da Porto Limnionas (vedi prossimo punto). Chi visita il villaggio ha la netta sensazione che il tempo si sia fermato. Lo scenario, infatti, è in gran parte ancora quello del 1953, anno in cui un violento terremoto colpì Zacinto e la vicina Cefalonia. Qui, diversamente dai paesi circostanti, l’architettura tradizionale fatta di case in pietra, giardini recintati e strade acciottolate ha resistito all’avanzata dell’edilizia moderna. Ne è venuto fuori un borgo incantato con una pregevole vista su una valle coltivata prevalentemente a vigneti. Da non perdere!

4 Porto Limnionas

Foto di Live Zakynthos
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Porto Limnionas

Porto Limnionas è una meravigliosa baia del versante occidentale di Zante, tuttavia non semplicissima da raggiungere sia da mare che da terra. Da mare, infatti, ci si ritrova davanti a un’insenatura stretta e lunga, più simile a un piccolo fiordo che a un canale navigabile. Da terra, invece, bisogna prima raggiungere il paese montano di Agios Leon e da lì proseguire per un paio di chilometri lungo una strada asfaltata che termina su uno spiazzo in cui è possibile lasciare l’auto o lo scooter (vedi foto). La fatica per arrivarci, però, è ampiamente ricompensata dallo scenario tutt’attorno. Acqua cristallina, costa frastagliata e una piccola spiaggia di sassi per stendere l’asciugamamano. In alternativa sono state realizzate due piattaforme attrezzate con ombrelloni, lettini e sdraio anche se la disponibilità è comunque ridotta. In zona c’è pure un ristorante in cui vale la pena fermarsi a mangiare qualcosa. Da non perdere!

5 Grotte di Keri

Foto di Andy Buckingham
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Grotte di Keri

Il versante sud-occidentale di Zante si presenta ancor più frastagliato del resto dell’isola. Pareti rocciose a picco sul mare e una miriade di grotte e anfratti più piccoli si susseguono per diverse miglia. Alcune di queste grotte sono visitabili con la barca, mentre in altre si può entrare solo a nuoto. I tour alla volta delle grotte di Keri partono dalla piccola spiaggia di Lemni Kerioú. Nel giro sono compresi anche Capo Marathia, estremità sud-occidentale dell’isola, e i faraglioni Mzitres. Quest’ultimi sono particolarmente suggestivi. Si tratta, infatti, di due coni rocciosi a cui piedi si è formata una spiaggetta di sabbia finissima. Insomma, un paradiso per gli appassionati di diving e snorkeling che, non a caso, durante il periodo estivo, a migliaia frequentano questi luoghi. Anche la visita da terra ha il suo fascino. A Keri, piccolo paese di montagna, l’industria del turismo non ha alterato architettura e stili di vita dei suoi circa 500 abitanti, ancora saldamente legati all’agricoltura e alla pastorizia. Da vedere la Chiesa di Panagia tis Keriótissas col suo caratteristico campanile.

6 Isola di Marathonisi

Foto di clickphoto
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Isola di Marathonisi

Da Lemni Kerioú partono anche le escursioni alla volta di Marathonissi, l’isola delle tartarughe. Già, perché, questa piccola isola nella baia di Laganas è uno dei luoghi di riproduzione delle “caretta-caretta” e per questo motivo viene tutelata dalle autorità greche. L’ancoraggio è severamente vietato, mentre è possibile raggiungere l’isola in canoa. Marathonissi dispone di due spiagge: una di sabbia e l’altra di sassi. L’ideale per trascorrere una giornata in pieno relax “armati” nient’altro che di maschera e boccaglio. Le coste dell’isola, infatti, sono un paradiso per gli appassionati di snorkeling che, con un po’ di fortuna, in acqua incroceranno una o più tartarughe. Da vedere!

7 Laganas

Foto di Eelke de Blouw
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Laganas

Laganas è la zona turisticamente più sviluppata di Zante. La presenza della spiaggia più grande dell’isola e la vicinanza con l’aeroporto nel tempo hanno favorito l’apertura di hotel, residence, ristoranti, bar e locali di ogni tipo. Insomma, un “divertimentificio” che stona un po’ in un’isola che invece ha nel contatto con la natura il suo principale punto di forza. Tra l’altro, come detto in apertura, la baia di Laganas è zona protetta essendo luogo di riproduzione privilegiato delle tartarughe marine. Insomma, la località vive il conflitto, abbastanza ricorrente in quei territori che conoscono un’improvvisa fortuna turistica, tra le ragioni dello sviluppo economico e quelle della difesa delle peculiarità ambientali. Ciò non toglie che se desiderate un po’ di vita mondana farete bene a prenotare in zona, mentre se avete in mente un altro tipo di vacanza è preferibile scegliere di soggiornare altrove. Magari proprio a Zante, capoluogo omonimo dell’isola (vedi punto 9).

8 Spiaggia di Gerakas

Foto di Walkerssk
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Spiaggia di Gerakas

Cominciamo subito col dire che Gerakas non è visitabile da mezz’ora prima del tramonto a mezz’ora dopo l’alba. L’estremità meridionale dell’isola, infatti, è parte integrante del Parco Marino di Laganas per la tutela delle “caretta caretta”, e in particolare questa spiaggia è una zona a protezione assoluta. Ne derivano una serie di prescrizioni importanti: per esempio, è vietato l’ancoraggio e bisogna fare molta attenzione alla disposizione degli ombrelloni nella sabbia. È vietato perfino visitare la baia in canoa. L’unica attività consentita è lo snorkeling per ammirare dal vivo i bellissimi fondali di questo tratto di costa. La profondità, inoltre, non è elevata, circostanza che rende Gerakas particolarmente adatta per le famiglie coi figli al seguito. Purché – ripetiamo – tutto avvenga dando la priorità alle esigenze delle tartarughe che non è raro incontrare in acqua.

9 Zante (città)

Foto di Dimitris Kamaras
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Zante (città)

Ricostruita dopo il terremoto del 1953, Zakynthos (nome greco) è la città culturalmente più stimolante dell’isola omonima. Qui sono concentrati la maggior dei musei (ricordiamo su tutti: il Museo Bizantino e l’altro dedicato a Dionisios Solomos) e delle chiese del territorio. L’architettura religiosa, in particolare, gioca un ruolo di primo piano. Dalla chiesa di Agios Nikolaos, passando per quella di San Marco (l’unica a celebrare messa secondo il rito cattolico) fino alla chiesa di Dionissios che domina il lungomare, la visita di “Zante città” offre spunti diversi rispetto al resto dell’isola. Va da sé che è anche una località balneare con una vivace vita notturna, ottima alternativa rispetto alla più caotica Laganas.

10 Bochali

Foto di fotogake
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Bochali

Zante, come del resto Corfù e le altre isole Ionie, sul piano storico-culturale è debitrice soprattutto alla lunghissima dominazione veneziana. L’influenza turco-orientale qui non ha lasciato tracce, mentre l’impronta italiana è ancora ben visibile in gran parte del territorio, nonostante il terribile sisma del 1953. Interessante, a riguardo, è la visita del Castello veneziano di Bochali, paesino in collina proprio alle spalle del capoluogo. Della fortezza sono rimaste solo i portali d’ingresso e le mura esterne; al contrario le chiese e la caserma sono andate completamente distrutte. Al posto di queste testimonianze architettoniche c’è una rigogliosissima pineta, in cui è bello rilassarsi dopo aver visitato questo minuscolo paesino. Bochali merita soprattutto al tramonto e alla sera, poiché regala una vista stupenda sul porto e la città di Zante (vedi foto). Da vedere!

11 Olimpia

Foto di lo.tangelini

Visitare Zante significa visitare anche tutto quel che c’è attorno, a cominciare dalle più vicine Cefalonia e Leucade. Oppure Olimpia, a circa un’ora d’auto dal porto di Killini, nel Pelopponeso occidentale. I collegamenti marittimi tra l’isola e Killini sono giornalieri e assicurati tutto l’anno, circostanza che rende la visita del villaggio, dove nel 776 a.C. nacquero i giochi olimpici, una delle tappe imperdibili di una vacanza a Zante. Tantissime le cose da vedere: tanto per cominciare, il Tempio di Zeus, di cui sono arrivati fino ai giorni nostri qualche colonna e l’imponente basamento a tre gradini. Al centro del tempio anticamente si stagliava la statua del dio realizzata da quel Fidia incaricato anche delle decorazioni del Partenone di Atene. Del villaggio facevano parte anche lo stadio, l’ippodromo, la palestra e il ginnasio. In questi ultimi due edifici gli atleti, provenienti dalle diverse città greche (che in occasione dei giochi cessavano le ostilità), avevano modo di allenarsi in vista delle gare. Adiacente al villaggio, c’è anche un museo che raccoglie statue e altri reperti archeologici inerenti la storia di questo luogo simbolo della civiltà ellenica. Da non perdere!

1 Non indossare abiti inadeguati per visitare chiese, musei e villaggi

Nudità, bikini e abiti succinti sono all’ordine del giorno a Zante, soprattutto nella zona di Laganas. Proprio per questo, però, quando si visitano chiese, musei e i paesini dell’entroterra è richiesta maggiore sobrietà nell’abbigliamento. Avvertiti!

2 Occhio al prezzo del pesce

In Grecia si mangia tradizionalmente bene. Sulle isole, poi, ancor di più. Occorre solo fare attenzione a un paio di cose: innanzitutto al prezzo del pesce, così da non farsi trovare impreparati al momento del conto; in secondo luogo, al ristorante prescelto, evitando quelli più “turistici” a vantaggio di locali magari meno noti ma più in linea con la gastronomia del posto.

Attività che puoi prenotare subito


Booking.com