Cefalonia

Foto di shogun
Cefalonia

10 cose da fare e vedere a Cefalonia e 1 da non fare

Nell’immaginario turistico collettivo le isole greche sono tutte uguali: case bianche, strade acciottolate, pergolati di bouganvilles e vecchi con le facce cotte dal sole seduti all’esterno di qualche taverna scalcagnata. Ovviamente non è così e abbiamo già avuto modo di ribadirlo in più circostanze. Tuttavia, Cefalonia è il posto migliore per rendersi conto dello scarto esistente tra rappresentazione turistica e realtà. La più grande delle isole Ionie, infatti, offre poco sotto il profilo storico-culturale e moltissimo, invece, dal punto di vista naturalistico. Insomma, sono spiagge, mare e montagna (trekking) i fattori che hanno consentito alla popolazione di emanciparsi, almeno in parte, da agricoltura e allevamento. Già perché le attività tradizionali non solo continuano, ma si sono rivelate preziosissime nel mitigare gli effetti della crisi economica che da qualche anno affligge la Grecia. Di seguito, vediamo insieme le principali attrazioni di Cefalonia. Buona lettura.

1 Argostóli

Foto di James F Clay
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Argostóli

Fondata dai Veneziani nel XVIII secolo, Argostóli è il centro principale di Cefalonia. Purtroppo delle vestigia neo-classiche riconducibili alla dominazione della Serenissima è rimasto ben poco. Il terribile terremoto che nel 1953 colpì l’isola ha compromesso gran parte del patrimonio architettonico del passato. Inevitabilmente, la ricostruzione ha modificato l’assetto urbanistico della città che si presenta, perciò, con un volto in prevalenza moderno. Ciò detto, le attrazioni non mancano. Dal lungomare, dove si concentra buona parte della vita sociale del territorio, ai due musei cittadini (Archeologico e del Folclore), passando per la chiesa di San Spiridione e il Faro di SanTeodoro sono diverse le cose da vedere. Menzione a parte per il monumento ai caduti italiani della Divisione Acqui. L’opera commemora l’eccidio compiuto dai tedeschi contro i soldati italiani a seguito dell’armistizio del 1943. Un episodio particolarmente efferato, costato centinaia di vittime sepolte in una fossa poco distante dal monumento stesso. Sempre ad Argostóli, infine, si trovano i Catavothres. Si tratta di un fenomeno geologico abbastanza raro consistente nella progressiva scomparsa del mare nel sottosuolo. Un vero e proprio enigma scientifico risolto soltanto negli anni ’60 del secolo scorso grazie all’intuizione di un gruppo di ricercatori austriaci che, semplicemente gettando una sostanza colorante nella depressione, appurarono l’esistenza di un lungo percorso sotterraneo (il colorante riaffiorò 14 giorni dopo dall’altra parte dell’isola) che taglia Cefalonia in direzione nord-ovest. Da vedere!

2 Spiaggia di Myrtos

Foto di shogun
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Spiaggia di Myrtos

Imperdibile al tramonto, Myrtos è una delle spiagge più belle del Mediterraneo, tanto da contendere alla Spiaggia del Relitto di Zante la palma di regina delle isole Ionie. Le classifiche, però, contano fino a un certo punto. Quel che conta davvero è la corrispondenza tra le immagini che circolano sulle riviste, i siti e i blog di viaggi e l’effettivo stato dei luoghi. Nel caso di Myrtos le immagini non mentono. Si tratta di una spiaggia meravigliosa che ha mantenuto intatte negli anni le sue peculiarità ambientali. Il merito è da ricondurre soprattutto alla sua non semplicissima accessibilità. Per raggiungerla, infatti, è necessario percorrere un sentiero di campagna lungo circa due chilometri nel piccolo villaggio di Divarata (in alternativa, ovviamente, c’è la barca). La posizione riparata, senza dimenticare la rigogliosa vegetazione tutt’attorno, ha preservato questa spiaggia dai grandi numeri. Anche ad agosto, infatti, c’è sufficiente spazio per tutti. Un particolare non da poco che contribuisce al fascino sui generis di Cefalonia. Da non perdere!

3 Assos

Foto di NinasCreativeCorner
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Assos

Quasi unanimemente riconosciuto come il luogo più pittoresco dell’isola, Assos è un minuscolo villaggio sito lungo il versante nord-occidentale di Cefalonia. Per la precisione, lungo la penisola di Erissos caratterizzata da falesie rocciose a picco sul mare e un entroterra, invece, prevalentemente agricolo. Assos, trovandosi sulla costa, ha sempre vissuto dei proventi della pesca e, solo in anni più recenti, a questa si è aggiunta l’economia turistica. Il paese è un bellissimo esempio di architettura mediterranea e qui sta il suo motivo di maggior fascino. L’altro è la presenza di una fortezza del XVI secolo fatta costruire dai Veneziani con funzione di avvistamento e difesa dalle incursioni piratesche, molto diffuse nella seconda metà del ‘500. Oggi del Castello di Assos resta giusto qualche rovina. Tuttavia, il panorama che si scorge dal rudere ricompensa abbondantemente della mancanza di tutto il resto. Da vedere!

4 Fiskardo

Foto di Spiros Vathis
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Fiskardo

A circa 40 chilometri da Argostoli e a una ventina da Assos, Fiskardo è tappa irrinunciabile di una vacanza a Cefalonia. Si tratta di un piccolo borgo marinaro lungo la costa nord dell’isola, miracolosamente scampato al sisma che nel 1953 colpì l’arcipelago delle Ionie. La circostanza ha consentito al paese di conservare pressoché intatte le sue caratteristiche architettoniche che, nel tempo, si sono rivelate un ottimo attrattore turistico. Da vedere la zona del porto dove sono attraccati sia gli yachts dei vacanzieri che le barche da pesca dei locali. Ai lati del porto, inoltre, due piccole spiagge di ghiaia, circondate da una ricca vegetazione mediterranea, completano l’offerta di soggiorno della località. Infine una curiosità. Il topos Fiskardo deriva dal condottiero normanno Roberto Guiscardo, Duca di Puglia e Calabria, nonchè Signore di Sicilia, morto in battaglia contro i Bizantini a Cefalonia nel 1085.

5 Grotta di Melissani

Foto di Babis Kavvadias
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Grotta di Melissani

A una trentina di chilometri da Fiskardo (poco meno da Argostoli), la Grotta di Melissani è tappa irrinunciabile durante una vacanza a Cefalonia. Scoperta nel 1951, questa grotta ospita un lago sotterraneo per metà salato e metà dolce (una sorgente proveniente dal sottosuolo si mescola col mare), oltre a una serie di stalattiti e stalagmiti. Il fascino turistico dell’anfratto è cominciato, però, dopo il terremoto del 1953. Il sisma, infatti, provocò il crollo della volta soprastante, consentendo ai raggi del sole di entrare nella cavità dando vita a spettacolari riflessi blu e turchesi. Durante i mesi estivi sono numerose le barche che accompagnano i turisti in visita alla grotta. Generalmente si salpa da Sami, piccola località di fronte l’isola di Itaca, tuttavia famosa per essere il porto principale di Cefalonia, quotidianamente collegato con la città di Patrasso. Da vedere!

6 Spiaggia di Antisamos

Foto di Gary Bembridge
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Spiaggia di Antisamos

Oltre che alla Grotta di Melissani, da Sami si arriva agevolmente anche alla spiaggia di Antisamos, altra tappa imperdibile di una vacanza a Cefalonia. Si tratta di una lunga striscia di sabbia bianca, circondata una rigogliosa vegetazione mediterranea, il cui verde acceso fa da contrasto col turchese del mare. Ad Antisamos sono state girate diverse scene de “Il Mandolino del Capitano Corelli” film del 2001 con Nicolas Cage e Penelope Cruz che ripercorre la vicenda dell’eccidio di Cefalonia cui abbiamo accennato all’inizio (vedi punto 1). Grazie a questa produzione holliwoodiana, la popolarità della spiaggia è notevolmente accresciuta, tanto che in alta stagione può risultare anche parecchio affollata. Per il resto, si tratta di un posto meraviglioso in cui è bello rilassarsi al sole (ci sono tratti liberi e altri attrezzati) e fare snorkeling. Da non perdere!

7 Skala

Foto di MattLake
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Skala

Skala è una delle località turisticamente più avanzate di Cefalonia. Negli anni, alle spalle della spiaggia sono sorte diverse strutture ricettive, e altre ancora ne stanno nascendo, appannaggio quasi esclusivo dei turisti inglesi. In effetti, la qualità della vita del versante sud-orientale dell’isola è più che buona. La spiaggia è tenuta benissimo, con tratti liberi e altri in concessione, senza dimenticare la pineta proprio alle spalle dell’arenile, in cui ci si può tranquillamente rifugiare quando il sole picchia troppo forte. Diversi anche i ristoranti, quasi tutti con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Poco distante dal paese, facilmente raggiungibili a piedi, ci sono inoltre le rovine di una villa romana del III secolo. Da vedere, i pavimenti a mosaico dell’abitazione che si sono mantenuti in buona condizione a dispetto dell’antichità (vedi foto). Infine un consiglio. A una decina di chilometri da Skala c’è Poros, altra graziosa località balneare che pure merita una visita durante un soggiorno a Cefalonia. Da vedere!

8 Grotta di Drogarati

Foto di MOTORandPHOTOS
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Grotta di Drogarati

Una grotta di 150 milioni di anni, “saltata fuori” 300 anni fa a seguito di un terremoto, e visitabile “soltanto” dal 1963. Queste, in sintesi, le notizie salienti della Drogarati Cave, cavità del versante orientale di Cefalonia, poco distante da un’altra grotta, quella di Melissani (vedi punto 5), e dal villaggio di Sami. Le cose da aggiungere sono poche, perché, come si suol dire, il posto parla da solo. Lunga circa 100 metri, la Grotta di Drogarati si suddivide in due ambienti. Uno, più piccolo, ribattezzato “balcone reale”, ospita un’infinità di stalattiti traslucide; l’altro, noto invece come “stanza dell’apoteosi” è un vero e proprio anfiteatro naturale con un’acustica eccellente che ne ha suggerito negli anni la valorizzazione turistica. Durante il periodo estivo, infatti, nella “stanza dell’apoteosi”, si tengono diverse serate musicali cui possono assistere fino a 500 persone. Concerti o no, la Drogarati Cave, è un’altra tappa imperdibile di una vacanza a Cefalonia. Provare per credere!

9 Monastero di San Gerasimo

Foto di Brian Snelson
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Monastero di San Gerasimo

Il monastero più famoso e visitato di Cefalonia si trova a circa 400 metri sul livello del mare, poco distante dai villaggi di Valsamata e Fragata (tra agosto e settembre, a Fragata, si svolge la Festa del vino Robola). Fondato nel XVI secolo, il convento consta di due parti: una chiesa più antica, dove sono conservate le reliquie del santo e una, invece, più moderna, costruita dopo il terremoto del 1953. Molto bello anche l’antico giardino che dà accesso all’area. Si tratta di un lungo viale all’aperto interamente lastricato e disseminato di antichi pozzi per la raccolta dell’acqua piovana. I pellegrini che si recano fin quassù, nella pianura di Omalon, sono molti tutto l’anno. Il pieno dei visitatori comunque è ad agosto e ottobre, in occasione delle due ricorrenze dedicate al santo. La prima il 16 agosto; la seconda il 20 ottobre. Da non perdere!

10 Monte Enos

Foto di Bruno Sarlandie
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Monte Enos

Cefalonia, l’abbiamo detto all’inizio, non è solo spiagge e mare. La più grande delle Isole Ionie vanta diverse mete sopra i mille metri, tra cui il Monte Enos che coi suoi 1628 metri sul livello del mare non solo è la montagna più grande dell’arcipelago, ma è anche una delle cime più imponenti di tutta la Grecia. Non a caso, il monte, che si trova nel sud dell’isola, nel 1962 è stato dichiarato Parco Nazionale di Cefalonia. Diverse le motivazioni alla base del riconoscimento. In primis, la presenza dell’Abies Cephalonica, specie autoctona di abete presente in maniera massicia lungo i pendii del monte, dagli 800 metri in su. In secondo luogo, la straordinaria biodiversità della fauna presente, tra cui diverse specie di uccelli migratori, tartarughe e finanche una nutrita colonia di cavalli che vive allo stato brado. La sentieristica è ben curata e debitamente segnalata per consentire agli escursionisti di raggiungere agevolmente la cima da cui, ça va sans dire, si gode di una vista strepitosa (vedi foto). Tuttavia, durante il periodo estivo, causa incendi, è possibile imbattersi in delle limitazioni d’accesso. Da vedere!

1 Mangiare in spiaggia attrae le vespe

Cefalonia è anche nota per la notevole quantità d’insetti che la popolano, in particolare api (da cui proviene l’ottimo miele prodotto dai locali) e vespe. Quest’ultime sono attratte dal cibo e perciò sconsigliamo di portarne in spiaggia (se proprio non se ne può fare a meno ricordare di sigillarlo per bene). Sconsigliamo anche le creme particolarmente profumate. È bene quindi che i più sensibili a questo genere di “incontri” siano preparati alla presenza d’insetti, soprattutto nelle zone più lontane dai centri abitati. Ricordiamo inoltre che le api, a differenza delle vespe, sono una specie protetta nonché risorsa indispensabile per il nostro pianeta. Impariamo a distinguerle e rispettarle, anche perché le api basta ignorarle e vanno via da sole (a meno che non siate un fiore). Difficilmente arrivano a pungere, lo fanno solo se in pericolo, pena la loro stessa vita.

Attività che puoi prenotare subito


Booking.com