Istria

Foto di Kiss Tibor Noé
Istria

12 cose da fare e vedere in Istria e 2 da non fare

Varietà è la parola chiave per descrivere l’Istria, sia dal punto di vista paesaggistico-ambientale che sotto il profilo storico-culturale. Mare, spiagge, montagne, vegetazione lussureggiante e un patrimonio archeologico tra i più significativi d’Europa fanno di questa regione, divisa tra Slovenia (nella foto la città di Piran dall’alto) e Croazia, una delle mete turistiche più in ascesa nel Mediterraneo. A questi pochi cenni, bisogna aggiungere la collocazione geografica del territorio, punto d’incontro tra l’Europa meridionale e quella centro-orientale. Insomma, un incrocio davvero ampio in cui convivono armonicamente le tracce delle dominazioni italiana e austro-ungarica. Il presente della regione è il turismo, ma le tradizioni, i legami comunitari, e soprattutto quelli familiari, continuano a scandire le giornate degli istriani, contribuendo a creare quell’atmosfera rilassata e gioviale che affascina sempre più visitatori ogni anno. Di seguito vediamo insieme le principali attrazioni dell’Istria. Buona lettura.

1 Grotte di San Canziano

Foto di C K Leung
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Grotte di San Canziano

Le Grotte di San Canziano (o Grotte di Škocjan) sono uno dei fiori all’occhiello dell’Istria slovena. Ne abbiamo già parlato nell’articolo su Trieste, suggerendo di visitare questo mondo sotterraneo da anni sotto tutela Unesco. Quello Unesco, tra l’altro, non è l’unico riconoscimento: le Grotte di Škocjan (nella foto, la ressa all’ingresso), infatti, fanno parte del network europeo “Natura 2000” la cui mission è la preservazione di ecosistemi unici ma nondimeno fragili e perciò bisognosi di attenzioni costanti. Per questo motivo, le grotte fanno parte di un Parco Regionale in cui è compreso anche il paese omonimo di Škocjan e le due cittadine di Betanja e Matavun. Per maggiori informazioni sulla storia e gli aspetti naturalistici di questo luogo unico al mondo visita il sito: www.park-skocjanske-jame.si (disponibile la versione in italiano).

2 Piran

Foto di lena1
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Piran

A una cinquantina di chilometri dalle Grotte di San Canziano (meno di 40 da Trieste) c’è Piran, la città più bella della costa slovena. Di Piran (o Pirano) colpisce soprattutto l’aspetto architettonico: vicoli stretti e case abbarbicate le une sulle altre svelano chiaramente la secolare influenza veneziana sul territorio. Da vedere il campanile e la chiesa di San Giorgio. In particolare dalla cima del primo si scorge una vista meravigliosa sul golfo cittadino. Suggestiva anche la piazza intitolata al violinista Giuseppe Tartini, come pure merita una visita la cittadina di Portoroz (Portorose) distante appena 4 chilometri. Sia Piran che Portoroz sono mete particolarmente ricercate, specie durante il periodo estivo. In verità Portoroz lo è anche d’inverno dal momento che vi sono diversi casinò. Da vedere!

3 Novigrad

Foto di Piergiorgio Mariniello
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Novigrad

Una trentina di chilometri più a sud di Piran c’è Novigrad (o Cittanova) località costiera dell’Istria croata. Sono poco più di 4000 i residenti della cittadina che però durante la stagione estiva vede crescere notevolmente il numero di presenze. Merito del turismo che dagli anni ’70 in poi si è progressivamente imposto come attività prevalente scalzando la pesca sin lì principale fonte di reddito. Il passaggio da un’economia di sussistenza e piccolo commercio a un’altra legata ai servizi ha avuto le sue conseguenze dal punto di vista urbanistico. Novigrad, infatti, – ma il discorso può essere esteso a tutta l’Istria costiera – , si presenta con un mix perfettamente riuscito tra architettura antica e infrastrutture turistiche. Chi vuol approfondire la prima non deve far altro che visitare il centro storico della città. Conservata benissimo, la parte vecchia di Novigrad reca molte tracce della secolare dominazione veneziana. Da vedere, il campanile e la Chiesa di San Pelagio. Quest’ultima è una basilica a tre navate in stile romanico e, assieme alle mura medievali, contribuisce moltissimo al fascino della località. Poco distante da Novigrad merita una visita anche Umag (o Umago), mentre se ci si muove in vacanza con figli al seguito vale la pena far tappa al Parco Acquatico Istralandia distante appena 7 chilometri in direzione Verteneglio. Da non perdere!

4 Poreč

Foto di BiljaST
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Poreč

Poreč (o Parenzo) è una graziosa cittadina di circa 17.000 abitanti. Oltre alla fama di località balneare, la città merita anche dal punto di vista urbanistico. Il centro storico, organizzato in decumani e cardi, svela l’impronta romanica del territorio, mentre case e palazzi tradiscono chiaramente il gusto italiano. Come è noto, infatti, fino alla fine della seconda guerra mondiale queste zone sono state abitate in prevalenza da italiani concentrati soprattutto lungo il versante costiero. In maniera abbastanza prevedibile, quindi, l’eredità culturale e linguistica italiana (con riferimento soprattutto al dialetto istroveneto) è rimasta nonostante i cambiamenti occorsi nella sfera geopolitica. Da vedere, inoltre, la Basilica Eufrasiana (nella foto, il tetto della basilica), antico complesso religioso di età romanica famoso per la ricercatezza dei suoi mosaici. Oltre alla chiesa fanno parte della struttura (patrimonio UNESCO dal 1997), l’atrio, il battistero e il palazzo vescovile. Quanto a mare e spiagge, invece, c’è solo l’imbarazzo della scelta: Laguna Blu, Laguna Verde, Plava e Laguna Zelena sono i nomi delle spiagge di Parenzo dove, durante il periodo estivo, si radunano moltissimi giovani. Da vedere!

5 Hum

Foto di James Stringer
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Hum

La città più piccola del mondo. Hum (all’italiana, Colmo) è un minuscolo borgo medievale situato a una trentina di chilometri da Pazin, poco meno da Buzet, due località altrettanto note dell’entroterra istriano. Tuttavia, la particolarità di Hum rispetto a queste altre sta nell’aver conservato l’originaria impronta architettonica medievale. Mura di cinta, porta d’ingresso, uno sparuto gruppo di abitazioni in pietra e ben 2 chiese (San Gerolamo e San Giacomo) che, considerando l’esigiuità del territorio, spiegano molto sulla devozione religiosa degli abitanti. Un radiicato sentimento di fede, probabilmente maturato anche a causa delle peripezie affrontate nel corso dei secoli: dapprima la guerra tra Venezia (cui la cittadina apparteneva) e l’Austria; poi la peste del 1423; e ancora le invasioni turche e degli Usococchi (banditi croati) nel corso del ‘600. Dopo la caduta della Repubblica Serenissima nel 1797 le sorti di Colmo hanno ricalcato in tutto e per tutto quelle della regione di appartenenza: quindi, Impero Austro-Ungarico, Regno d’Italia, Jugoslavia, e infine Croazia. Oltre che per le vestigia romaniche, il prestigio turistico della località è dovuto anche al patrimonio naturalistico tutt’attorno. Menzione speciale per l’itinerario di circa 6 chilometri che collega Hum al borgo di Roč. Il sentiero è disseminato di monumenti in pietra coi caratteri glalolitici, antica lingua dell’area attiva fino agli inizi del XX secolo. Da fare!

6 Rovinj

Foto di Momonator
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Rovinj

Rovinj (o Rovigno) è tappa imperdibile di un viaggio in Istria. Il centro storico della località svela in maniera inequivocabile l’impronta della Repubblica di Venezia che dal XIII al XVIII secolo ha regnato sul territorio lasciando una grande eredità urbanistica e storico-culturale. Tracce che le successive dominazioni hanno inevitabilmente scalfito ma non cancellato. Ancora oggi, per dire, la comunità italiana di Rovigno, seppur decimata a causa del conflitto italo-jugoslavo dopo la seconda guerra mondiale, gioca un ruolo fondamentale nella vita della comunità, dal cibo, alle tradizioni fino al già richiamato dialetto istriota. Diverse le cose da vedere: la Torre dell’Orologio che affaccia sul porto; l’Arco dei Balbi, in corrispondenza della porta d’ingresso della città; il Municipio e, soprattutto, la Chiesa di Santa Eufemia, patrona di Rovigno. Quest’ultima si trova in posizione rialzata rispetto all’abitato, regalando una vista spettacolare ai visitatori, specie dal campanile alto più di 60 metri. Da non perdere, nelle vicinanze, il fiordo di Leme, meta frequentatissima dagli appassionati di trekking e mountain bike. Merita ugualmente una visita il borgo abbandonato Duecastelli (Dvigrad in croato) che da Rovinj dista circa 18 chilometri verso l’interno della regione. Da vedere!

7 Pula

Foto di KatarzynaTyl
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Pula

Pula (o Pola) all’estremità meridionale dell’Istria è il cuore civile, economico e amministrativo della regione. Lo è perlomeno dal XIX secolo quando l’Impero Austro-Ungarico fece del porto cittadino il suo principale scalo marittimo determinando, di fatto, il ripopolamento di un territorio che fino a quel momento contava poco più di 1000 unità. Oggi sono la vicinanza con l’aeroporto e l’autostrada E751 (Trieste dista ca. 120 km) le infrastrutture che consentono ai visitatori di raggiungere, sempre più numerosi, la città e le località che si susseguono lungo la costa (Medulin, Pomer, Premantura, Banjale e Verudela). Menzione particolare per il centro storico: l’Anfiteatro (il sesto più grande al mondo, vd. foto) e il Museo Archeologico con numerosi reperti di età romana attraggono frotte di turisti che riescono così a coniugare alla grande turismo culturale e balneare. Da vedere, inoltre, il Parco Nazionale delle Isole Brioni di cui parleremo più diffusamente nel prossimo punto.

8 Parco Nazionale delle Isole Brioni

Foto di James Stringer
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Parco Nazionale delle Isole Brioni

L’arcipelago delle Isole Briunji (in italiano, Brioni) è tappa imperdibile di una vacanza in Istria. Un concentrato di bellezza (la superficie complessiva delle 14 isole è di appena 8 chilometri quadrati) che non è soltanto paesaggistico-ambientale ma anche -soprattutto- storico-culturale. Queste isole, infatti, erano abitate già dai romani che ne sfruttavano il suolo per estrarre il materiale necessario alle realizzazione dei laterizi destinati alla costruzione di palazzi, templi e abitazioni. Perciò, assieme alla straripante vegetazione e a un mare cristallino, le innumerevoli tracce della gloriosa civiltà romana costituiscono il fiore all’occhiello di queste isole. Non stupisce, perciò, che durante la lunga stagione titina le isole Briunji furono inibite al pubblico. Per buona parte del suo mandato il maresciallo artefice dell’unificazione della Jugoslavia ne fece location d’eccezione per gli incontri di Stato. Dopo l’indipendenza della Croazia l’arcipelago è diventato nuovamente visitabile, raggiungendo presto un inviadiabile compromesso tra le ragioni dell’economia turistica e quelle legate, invece, alla preservazione di un habitat unico nel suo genere. Frequenti, specie durante il periodo estivo, i collegamenti marittimi da Pula (Pola) e Fazana (Fasana). Da non perdere!

9 Kamenjak

Foto di KatarzynaTyl
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Kamenjak

“Meraviglioso”, “favoloso”, “incredibile”, “paradisiaco” ecc. ecc. I commenti e le recensioni che si trovano on line sono unanimi: Kamenjak è un luogo da non perdere! Da Pula, i chilometri per arrivare in quest’area disabitata e piena di calette nascoste sono circa una decina, e perciò sarebbe davvero un delitto, una volta in Istria, bucare la visita con la parte più meridionale della penisola. Dal 1997 questa zona è stata adibita a parco per preservarne le tante specificità ambientali, con la conseguenza che l’ingresso è a pagamento per chi viene in auto. Tutti gli altri, soprattutto trekkers e appassionati di mountain bike, hanno invece accesso gratuito al parco che si estende per 10 chilometri e in alcuni tratti è largo meno di uno. Ovviamente, durante il periodo estivo l’affluenza è molto maggiore: la costa frastagliata e il mare cristallino rappresentano uno scenario d’incanto che lascia davvero a bocca aperta. Per maggiori informazioni sul parco, le cose da vedere e le modalità di visita consultare il sito: www.kamenjak.hr (disponibile la versione in inglese).

10 Opatjia

Foto di ChristianGeorg
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Opatjia

Partiamo dai numeri, perché spiegano molto della fama della località: 13 chilometri da Rijeka (Fiume), 70 da Trieste e circa 500 da Milano, Vienna e Monaco. Insomma, Opatjia (in italiano, Abbazia) si trova nel cuore di quella Mitteleuropa che, non a caso, ne decretò le fortune turistiche già nel corso del XIX secolo. Non deve stupire, perciò, che il fascino della località sia ancora in larga parte dovuto all’atmosfera da Belle Époque che promana dai viali, dai palazzi e dalle abitazioni del centro. Per non parlare dell’estesissimo lungomare: circa 12 chilometri (da Volosko fino a Lovran) disseminati di turisti a passeggio, non solo durante il periodo estivo. Tutt’attorno boschi e parchi, senza dimenticare il Monte Vittoria che coi suoi 1400 metri domina la città e l’intero Golfo del Quadraro. Da vedere!

11 Parco Nazionale del Risnjak

Foto di Putovanja Hrvatskom
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Parco Nazionale del Risnjak

In apertura abbiamo specificato che “varietà” è la parola chiave per descrivere l’Istria. Il Parco Nazionale del Risnjak è uno degli esempi migliori che si possono fare per esaltare gli aspetti paesaggistico-ambientali del territorio. Si trova a circa un’ora d’auto da Fiume (Autostrada A6 direzione Zagabria) e si estende per oltre 6000 ettari. Insomma un’area boschiva molto vasta (fisicamente appartiene al sistema delle Alpi Dinariche) in cui vivono e si riproducono orsi bruni, linci, volpi, tassi e lupi. Sicuramente da vedere le due vette Veliki Risnjak (1528 mt.) e Snježnik (1508) ma il vero fiore all’occhiello della zona è il fiume Kupa, area protetta fin dal 1963. Per avere idea dell’unicità di questo habitat di montagna, distante però appena 15 chilometri dalla costa, basti pensare che la parte superiore del fiume viene evocativamente chiamata “La Valle Incantata delle Farfalle”. Merita inoltre una visita il sentiero didattico Leska con numerose tabelle informative che spiegano non solo la natura ma anche la storia e la cultura dell’area. Il percorso comincia subito dopo l’ingresso nel parco e si snoda per quasi 5 km. Per maggiori informazioni consultare il sito: www.risnjak.hr.

12 Isole del Quarnaro

Foto di Thomas Hackl
Booking.com: mostra mappa con hotel vicino a Isole del Quarnaro

Last but not least le Isole Quarnerine. Cres (Cherso), Losinj (Lussino), Krk (Veglia) e Rab (Arbe) meriterebbero ciascuna una visita approfondita, se non addirittura una vacanza vera e propria. Quest’arcipelago, infatti, alle tante bellezze paesaggistico-ambientali unisce reperti storici di grande interesse. Si tratta di territori abitati fin dall’antichità nonostante una natura impervia (soprattutto la bora durante l’inverno) ancorché generosa di frutti. Krk, con oltre 400 chilometri di superficie, è la più grande delle isole. Non solo, perché un ponte, vanto dell’ingegneria jugoslava, collega l’isola alla terraferma, precisamente alla città di Kraljevica (per questo motivo, molti itinerari per andare alla scoperta delle isole del Quarnaro partono proprio da Krk). Una circostanza, quest’ultima, che ha contribuito in maniera decisiva alle fortune turistiche dell’isola. Esclusivamente di turismo vive anche Rab, la più meridionale delle isole del Quarnaro. Al contrario, Cres e Losinj sono più impervie, frequentate soprattutto da trekkers ed escursionisti (nella foto, il villaggio di Beli sull’isola di Cres). Tutte però vantano spiagge bellissime e antichi villaggi che hanno conservato l’impronta architettonica tradizionale a dispetto del presente turistico. Da vedere!

1 Occhio al cambio kuna (HRK) euro (EUR)

Come già detto per Dubrovnik bisogna stare attenti al cambio kuna (HRK) euro (EUR). Soprattutto, bisogna fare attenzione quando si paga in euro e si riceve il resto nella moneta locale. Il consiglio, quindi, è di utilizzare quest’ultima o, al più, fare in euro solo i piccoli acquisti. Prima ancora di partire, invece, è opportuno informarsi con la propria banca su quali sono tassi e importi che vengono applicati nei pagamenti con carta di credito e bancomat. A detta dei più risulta maggiormente conveniente usare la prima (carta di credito) per i pagamenti e la seconda (bancomat) per i prelievi.

2 Attenzione alla bora (non allontanarsi troppo in mare)

La bora sferza l’Istria soprattutto in inverno ma può fare capolino anche durante il periodo estivo. Le raffiche di vento sono veloci e potenti e prevenirne gli effetti, specie quando si è in mare, è faccenda da esperti marinai. A meno che non lo siate, quindi, è preferibile avere un atteggiamento prudente in acqua. Soprattutto in barca, ma anche a nuoto. Detto questo, niente paura: si tratta di semplice prevenzione a fronte di un mare, e una costa, talmente stupendi da vantare numerose Bandiere Blu.

Attività che puoi prenotare subito


Booking.com